Prima consulenza gratuita
lun-ven 09.00-13.00 / 14.30-18.00
Home News Partner UMIQ Lavora con noi Accedi

REGIONE UMBRIA - Concessioni di aiuti per le assunzioni di soggetti gi assegnatari di voucher formativi

03/02/2021

 


Procedura valutativa


Per favorire la crescita e l’occupazionela Regione Umbria mette a disposizione delle Imprese CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO (max € 10.000,00)PER LE ASSUNZIONI DI SOGGETTI GIÀ ASSEGNATARI DI VOUCHER FORMATIVI.


Sono previsti incentivi per le imprese che assumono i soggetti giovani o adulti  che, a seguito dell’assegnazione della misura da parte dei Centri per l’Impiego, siano stati assegnatari di un voucher per la frequenza di corsi di formazione iscritti al Catalogo Unico Regionale degli Apprendimenti che portino al conseguimento di una qualificazione o di abilitazione professionale oltre che eventuali specializzazioni post qualifica.


Gli aiuti all’assunzione riguardano l’attivazione di contratti di lavoro subordinato:



  1. a tempo indeterminato (anche a scopo di somministrazione) ivi ricompresi, con riguardo al solo Pacchetto Giovani, i contratti di apprendistato;

  2. a tempo determinato (anche a scopo di somministrazione), di durata pari o superiore a 12 mesi.


Gli aiuti all’assunzione sono definiti come segue:


a.    per il Pacchetto Giovani, sulla base della profilatura del giovane effettuata dai Centri Per l’Impiego.


b.    per il Pacchetto Adulti, in base alla Classe di appartenenza dell’adulto 


L’ assunzione deve essere effettuata nel rispetto delle seguenti condizioni:


·         deve avvenire nella sede legale/sede operativa ricadente nel territorio della regione Umbria al momento della domanda di aiuto.


·         deve essere la prima assunzione dell’assegnatario del voucher, in ordine temporale, dalla conclusione del percorso formativo;


·         deve avvenire per gli assegnatari di un voucher per la frequenza di corsi di formazione non ancora conclusi alla data di pubblicazione del presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione Umbria (BURU), entro e non oltre sei mesi dalla conclusione del percorso formativo.